Login

Uno studio realizzato da psicologi dell'università statunitense dell'Indiana (Indiana University) ha permesso di verificare che le prime parole che i bambini di età fino a uno anno pronunceranno nei loro primi mesi di vita saranno strettamente legate alla loro attenzione visiva.
La ricerca, che si basa sulle teorie dell'apprendimento statistico, ha permesso di capire che il numero di volte in cui un oggetto entra nel campo visivo di un bambino nel suo primo anno di vita è determinante per prevedere se la parola ad esso associata sarà verosimilmente pronunciata dal bambino stesso.
"Riteniamo che le prime parole dei bambini - ha spiegato...

Una cattiva pronuncia in una lingua straniera può rappresentare un vero e proprio ostacolo per la ricerca di una lavoro in un paese in cui questa lingua è parlata, indipendentemente dal livello linguistico raggiunto. A questa conclusione è giunto Marty Pilott, un professore di linguistica applicata neozelandese che ha condotto un progetto di ricerca in merito.
Pilott ha analizzato come l'accento dei migranti venga percepito dai datori di lavoro neozelandesi e ha dimostrato, attraverso una panoramica di mercato, che quasi sempre una pessima pronuncia dell'inglese ha un impatto negativo sulla sua capacità di ottenere il lavoro per il quale ci si è candidati. Pilott ha condotto personalmente...

L'industria e la ricerca italiane sulle tecnologie per il trattamento automatico della lingua italiana si incontreranno a Napoli il prossimo 7 dicembre durante la presentazione dei risultati della campagna EVALITA del 2016. La campagna mette a confronto varie tecnologie di linguistica computazionale per la lingua italiana. Abbiamo chiesto a una delle organizzatrici dell'evento, la ricercatrice della Fondazione Bruno Kessler Rachele Sprugnoli, di anticiparci alcuni dettagli della campagna di quest'anno e di spiegarci successi e problemi dell'industria e della ricerca italiane in questo settore.

Il fornitore statunitense di tecnologie per la traduzione automatica Systran ha annunciato di aver sviluppato PNMT™ for Pure Neural™ Machine Translation, un nuovo sistema di traduzione automatica basato su reti neurali.
La prima versione dell'applicazione sarà disponibile in versione beta in 30 lingue per diversi clienti dell'azienda e sarà testata fino alla fine dell'anno. Successivamente Systran comunicherà i dati della fase sperimentale.
Secondo quanto comunica l'azienda, la traduzione basata su reti neurali (Neural Machine Translation - NMT) sarà presto in grado di fornire risultati migliori rispetto...

Sebbene diversi recenti studi abbiano rivelato che le persone tendono a usare sempre più un linguaggio ispirato a emozioni e sentimenti positivi, una ricerca realizzata da psicologi del centro scientifico statunitense USC Dornsife dimostrebbe il contrario, e cioè che la tendenza a usare tale linguaggio positivo è diminuita negli Stati Uniti nel corso degli ultimi duecento anni.
La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica internazionale "Proceedings of the National Academy of Sciences", ha analizzato la tendenza a usare un linguaggio positivo (dall'inglese "language positivity bias - LPB) in testi scritti in inglese degli ultimi due secoli...

Un gruppo di ricerca formato da studiosi dell'università statunitense di Chicago (University of Chicago) e dell'università spagnola Pompeu Fabra sta conducendo uno studio per capire come l'uso di una lingua straniera possa influenzare la nostra percezione del rischio e il nostro giudizio morale e, conseguentemente, la nostra capacità di prendere decisioni.
In un articolo pubblicato sulla rivista scientifica internazionale "Trends in Cognitive Science", i ricercatori hanno avanzato l'ipotesi che l'uso di lingue straniere cambi inevitabilmente il nostro modo di percepire il rischio e di esprimere un giudizio morale. 
"Gli Stati Uniti - ha dichiarato...

Due scienziati dell'università tedesca di Tubinga (Universität Tübingen) hanno dimostrato in via sperimentale come la conformazione di determinati tipi di teschi umani sia riconducibile a determinate comunità linguistiche. Secondo il linguista Gerhard Jäger e la paleoantropologa Katerina Harvati lo sviluppo di lingue e comunità linguistiche e la conformazione delle ossa del viso di queste comunità si sono sviluppate parallelamente nel tempo e nello spazio.
I due studiosi hanno preso in esame 265 resti di crani provenienti da Africa, Asia...

Un gruppo di ricerca formato da scienziati delle università statunitensi Cornell University e University of Michigan e del Centro Nazionale delle Ricerche francese ha avviato un progetto di ricerca per capire quali differenze vi siano a livello cerebrale tra fraconfoni e anglofoni.
Il gruppo di ricerca intende capire, in particolare, se anglofoni e francofoni utilizzino le stesse strutture del cervello quando devono capire una storia che viene letta nella rispettive lingue. I ricercatori utilizzeranno una tecnologia di risonanza magnetica per analizzare l'attività cerebrale...

Un gruppo di ricerca giapponese ha analizzato come l'effetto McGurk sia differente in giapponesi ed anglofoni. L'Effetto MCGurk è un processo di percezione multimodale che coinvolge vista e udito quando ascoltiamo qualcuno parlare e riconosciamo parole e singoli fonemi. Tale fenomeno permette talvolta al cervello umano di creare ricostruzioni parziali o intermedie di parole e fonemi quando la percezione uditiva e quella visiva forniscono risultati contrastanti. Nei film doppiati, ad esempio, il movimento delle labbra degli attori è in conflitto con le voci dei doppiatori e dà spesso l'illusione ai telespettatori di udire un suono diverso...

Le persone applicano le stesse regole del parlato alla lingua dei segni. A questa conclusione è giunta la ricercatrice statunitense Iris Berent che ha condotto uno studio per dimostrare come la lingua dei segni e la lingua parlata siano basate su un sistema comune. Secondo quanto riporta il sito Eurekalert, la Berent sostiene che quando il nostro cervello produce linguaggio questo proietti una struttura astratta. Secondo la scienziata della Northeastern University, ciò avviene indipendentemente dalla modalità...

Pagina 4 di 22

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.