Login

Il Dipartimento della Difesa statunitense sta continuando ha investire risorse nelle sviluppo di nuove tecnologie di traduzione. Lo rivelano dei documenti pubblicati dall'agenzia governativa DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), secondo i quali i ricercatori che lavorano per il ministero della difesa intenderebbero sviluppare entro il 2017 delle tecnologie per ascoltare conversazioni tenute in ambienti condizionati da difficili fattori ambientali, per tradurle...

Un gruppo di ricercatori britannici e statunitensi riuniti sotto la guida del Santa Fe Institute, centro di ricerca privato localizzato nella città omonima nel Nuovo Messico, Stati Uniti, e della University of Reading con sede nel Regno Unito ha sviluppato una tecnologia statistica che permetterebbe di individuare con maggiore esattezza quando sono storicamente avvenuti i cambiamenti fonetici di una determinata lingua. In particolare, la tecnologia messa a punto dal gruppo di ricerca mira a individuare il periodo storico più o meno esatto in cui un fonema dovrebbe aver subíto una trasformazione all'interno di molte parole di una stessa lingua...

Secondo una ricerca condotta da Cecilia Aragon, professoressa associata della facoltà di ingegneria della Washington University, coloro che parlano una seconda lingua tendono a usare maggiormente gli "emoticons" o "smiley", quelle faccine, cioè, che permettono di rappresentare emozioni e sentimenti e che servono spesso per accompagnare il testo scritto su Internet con una precisazione di buone (o cattive intenzioni), quando non...

Un gruppo di ricercatori dell'università olandese di Leiden sta conducendo un progetto di ricerca che indaga le relazioni tra il sistema di conoscenza di base dei numeri e la facoltà del linguaggio. Il gruppo di ricerca intende capire come gli studi linguistici sui numeri possano gettare nuova luce sul modo in cui apprendiamo il sistema numerico. La ricerca si basa su recenti studi che dimostrano come il sistema di conoscenza di base dei numeri si fondi su due sottosistemi ...

Uno studio condotto da diversi ricercatori dell'università statunitense di Miami (University of Miami) e del centro di ricerca tedesco Max Planck dimostra che le perturbazioni della fonazione possono anche essere associate ad ambienti geografici con aria secca. La ricerca, che ha preso in esame una banca dati contenente informazioni relative a 3.700 lingue, ha visto coinvolti soprattutto studiosi di laringologia, di quel ramo della medicina cioè che studia i disturbi ...

Pagina 22 di 22

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.