Login

Il professore di neurolinguistica austriaco Dietmar Roehm sta utilizzado la spettroscopia nel vicino infrarosso per capire come i bambini bilingui riescano ad elaborare contemporaneamente due diversi sistemi linguistici.
Il neurolinguista, attivo presso l'università di Salisburgo, sostiene che questa tecnologia è in grado di rilevare molto accuratamente i processi di elaborazione del linguaggio. La sua ricerca è stata resa possibile dal fatto che l'università si è recentemente dotata di un macchinario...

Secondo una nuova ricerca condotta da neuroscienziati statunitensi vi sarebbero due aree del cervello che intervengono quando leggiamo un testo, una che ci permette di riconoscere le parole visivamente, senza la necessità di pronunciare a mente le parole, e una che invece che elabora i suoni delle parole scritte. La novità fondamentale di questa nuova teoria, sviluppata da scienziati del Georgetown University Medical Center, consiste nell'aver individuato questa facoltà di ricorrere a un vocabolario esclusivamente visuale e nell'aver verificato che tale facoltà...

Un gruppo di ricercatori della sede olandese del centro di ricerca tedesco Max Planck, specializzato negli studi di psicolinguistica, ha dimostrato come la stessa area del cervello, e cioè l'area di Broca, riesca a elaborare contemporanemente musica e messaggi linguistici. L'area di Broca, da sempre associata al linguaggio, è collocata sotto la circonvoluzione frontale sinistra del cervello. La novità della ricerca, a detta di coloro che l'hanno condotta, consiste nell'aver scoperto...

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.