Login

L'Ufficio tedesco per l'immigrazione e i rifugiati, il Bundesamt für Migration und Flüchtlinge (BamF), ha rivelato che intende utilizzare un software per il riconoscimento vocale per verificare l'origine dei rifugiati. Lo riferisce il quotidiano Die Zeit secondo il quale la nuova tecnologia sarebbe in grado di riconoscere anche le diverse varietà dialettali dei paesi di provenienza e assicurerebbe, dunque, maggiore accuratezza nell'accertamento dell'origine dei rifugiati.
I primi test saranno condotti nelle prossime settimane, mentre...

La teoria vuole che, quando ci si trasferisce in un paese straniero, il modo migliore per adattarsi alla nuova vita sia quello di adattarsi alle convenzioni locali e impararne bene la lingua, al punto di riuscire quasi a nascondere il proprio status di cittadino di un altro paese.
Secondo un ricercatore statunitese, tuttavia, questa strategia non assicurerebbe affatto il successo sociale e professionale e, anzi, proprio l'agire da cittadini stranieri potrebbe essere un fattore positivo. 
La ricerca, condotta dal professore Stephen Moody della...

L'università olandese di Groningen (Rijksuniversiteit Groningen) ha lanciato un MOOC sulle pratiche del multilinguismo. Il corso, chiamato "Multilingual Practices, Tackling Challenges and Creating Opportunities", sarà tenuto in lingua inglese e sarà offerto in forma totalmente gratuita come ogni MOOC (Massive Open Online Course). Le iscrizioni sono già aperte e la data di inizio è stata fissata per il 10 aprile prossimo.
Il corso avrà una durata di quattro settimane e affronterà...

L'Italia dispone di una politica linguistica? Il governo dovrebbe intervenire in maniera più incisiva sulle principali questioni linguistiche del nostro paese? Qual è il ruolo di organismi come l'Accademia della Crusca e la Società Dante Alighieri? A queste e altre domande ha risposto il celebre linguista e storico della lingua italiana Luca Serianni, con il quale abbiamo anche parlato della questione dell'italiano nei corsi magistrali del Politecnico di Milano, di scuola e dell'appello dei 600, dell'italiano nella pubblica amministrazione, dell'affermazione della lingua di genere e del declino presunto o reale della nostra lingua.

Le persone autistiche adulte sono in grado di risolvere alcuni problemi di comprensione linguistica tipici della loro infanzia. Lo rivela una ricerca realizzata dal centro di ricerca statunitense John Hopkins Medicine, secondo la quale i cervelli di alcuni adulti con autismo riescono a compensare i problemi di elaborazione del linguaggio con altre strategie.
Precedenti ricerche hanno messo in evidenza come i bambini autistici abbiano problemi a distinguere coppie di parole che non hanno nessuna relazione immediata come orologio e rana (in inglese "clock" e "frog") da quelle con una relazione più stretta come neonato e biberon (in inglese "baby" e "bottle"). Tale problema renderebbe...

Un gruppo di ricerca statunitense guidato dallo psicologo Michael Frank ha utilizzato un nuovo approccio statistico per capire se le abilità grammaticali degli esseri umani siano innate o se, invece, si sviluppino con il tempo e la pratica. I ricercatori, tutti attivi presso la celebre università statunitense di Stanford (Stanford University), sono arrivati alla conclusione che i bambini di età fino a due anni sviluppano le proprie abilità grammaticali in base alla seconda delle due teorie.
Secondo gli studiosi la competenza grammaticale dei bambini si sviluppa gradualmente. Il suo sviluppo, in particolare, subirebbe un accelerazione dopo il ventiquattresimo mese...

Il linguista-antropologo Mark A. Sicoli ha condotto una ricerca per cercare di capire come e quando siano migrate le prime popolazioni nelle Americhe. Secondo quano riferisce il sito Phys.org, il ricercatore si è avvalso della tecnologia dei big data per studiare la diversità delle lingue delle prime popolazioni che hanno raggiunto il territorio americano e creare dei collegamenti utili per capire il modo in cui questi insediamenti si sono configurati. 
Sicoli, che insegna presso l'università della Virginia (University of Virginia), ritiene che i collegamenti tra i diversi ceppi linguistici delle Americhe siano più complessi di quanto...

I genitori che rispondono spesso al telefono cellulare in presenza di bambini molto piccoli possono pregiudicare le loro abilità linguistiche. Lo riferisce la ricercatrice statunitense Kathy Hirsh-Pasek, direttrice del Temple University Infant and Child Laboratory di Filadelfia, che conduce da diversi anni una serie di ricerche in merito.
In un'intervista rilasciata al portale KPCC, la Hirsh-Pasek ha spiegato che le frequenti risposte al telefono creerebbero delle interruzioni nella tipica dinamica di interazione tra genitore e bambino. Tale dinamica presuppone che il bambino, almeno nei primissimi anni di vita, possa far riferimento...

Perché gli esseri umani parlano attualmente oltre 7mila lingue? Perché queste lingue non sono distribuite in modo uniforme sulla terra? A queste due centrali domande della linguistica ha provato a rispondere un gruppo di ricerca internazionale, coordinato dall'università statunitense del Colorado (Colorado State University), attraverso l'utilizzo di un modello di simulazione informatica. 
Allo sviluppo della ricerca, che è stata pubblicata sulla rivista internazionale Global Ecology and Biogeography, hanno preso parte linguisti, geografi, antropologi e biologi provenienti da...

I bambini in età prescolare che riescono a schiacciare brevi pisolini durante il giorno riescono ad avere un migliore sviluppo linguistico rispetto a quelli che non riescono a farlo. A fare questa scoperta è stato un gruppo di ricerca dell'università statunitense dell'Arizona (University of Arizona), che ha verificato in via sperimentale come brevi pisolini permettano ai bambini di registrare meglio nella propria memoria l'apprendimento di nuovi vocaboli. 
In particolare, i ricercatori hanno testato per quanto...

Pagina 1 di 2

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.