Login

Gli stranieri che raggiungono un alto livello di competenza in lingua italiana sono anche in grado di pensare in italiano e, conseguentemente, di utilizzare la nostra ben nota gestualità. Sono queste le conclusioni di uno studio condotto da un ricercatore danese che ha testato la capacità di alcuni studenti di lingua italiana suoi connazionali di apprendere a gesticolare come gli italiani.
Secondo quanto riferisce il portale locale CPH Post Online, il ricercatore Bjørn Wessel-Tolvig ha verificato come gli studenti di lingua straniera con un alto livello di competenza siano in grado...

Chiunque si sia cimentato con l'insegnamento linguistico a studenti giapponesi, e più in generale a studenti asiatici, è ben consapevole della loro reticenza a parlare ed esprimersi spontaneamente in classe, anche in presenza di attività didattiche mirate allo sviluppo del parlato e delle competenze comunicative. Fino ad oggi, tuttavia, nessuno aveva provato a dare una spiegazione di carattere scientifico sulle ragioni per cui i giapponesi sono così riluttanti ad esprimersi in una seconda lingua. 
A fornire chiarimenti di carattere scientifico in materia ci ha pensato uno studioso dell'università britannica di Leicester (University of Leicester), il professore Jim King, che ha appena condotto...

Le associazioni di insegnanti di italiano come lingua seconda Riconoscimento Nazionale, Apidis e Ilsa sono tornate a chiedere con forza che il MIUR modifichi i requisiti d'accesso per la classe di concorso A23 istituita lo scorso anno. Secondo le tre associazioni, infatti, i requisiti attuali escluderebbero circa 10.000 tra formatori universitari, tutor di master, collaboratori linguistici delle università, esperti esterni della scuola e dei CPIA, ricercatori e autori di testi di didattica e manuali. 
In una lettera inviata al MIUR le tre associazioni hanno segnalato come molti di questi potenziali insegnanti abbiano già avviato dei ricorsi contro...

Dal luglio del 2015 è attivo SÌT, un social network per chi vuole imparare e insegnare l’italiano a stranieri. A detta dei suoi creatori, Sìt è ideale per integrare, approfondire e analizzare gli argomenti trattati in classe, oppure per permettere agli studenti di imparare da soli e soddisfare le proprie esigenze linguistico-culturali, mettendoli in condizione di sfruttare le proprie strategie e capacità cognitive, in un ambiente multimediale, interattivo e cooperativo. 
Abbiamo chiesto ad uno dei fondatori della piattaforma, Gennaro Falcone, di spiegarci le diverse possibilità offerte dalla stessa e di come studenti e insegnanti possano effettivamente interagire.

Anche il Piemonte, dopo la Sardegna, cerca manifestazioni d'interesse per piani regionali di formazione civico linguistica di cittadini stranieri. Le domande potranno essere presentate entro il prossimo 22 febbraio. La Regione Piemonte si candiderà come soggetto capofila delle attività previste dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 del...

È stato approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri il decreto del presidente della Repubblica per la definizione delle nuove classi di concorso insegnanti tra cui quella per insegnati di lingua italiana per stranieri. L'approvazione del decreto era prevista per venerdì 18, quando era stato messo in ordine del giorno in seconda lettura. 
Il decreto presidenziale recante disposizioni per la razionalizzazione...

La didattica della lingua italiana per adolescenti stranieri è indubbiamente tra le più difficili. Chi si trova a insegnare a questa tipologia di studente deve fare i conti, oltre che con le difficolta connaturate all'insegnamento agli adolescenti, con la carenza di materiali didattici che sappiano coinvolgere gli studenti e, nello stesso tempo, abbiano un impianto didattico e metodologico coerente. Alma Edizioni ha deciso di pubblicare "Espresso Ragazzi" un nuovo manuale di italiano per stranieri adolescenti. Abbiamo intervistato Euridice Orlandino, una delle sue coautrici per capire quali siano stati i principi ispiratori del manuale. 

La scorsa settimana il presidente del Consorzio ICoN, un consorzio di università italiane che ha lo scopo di promuovere e diffondere la lingua italiana attraverso piattaforme di e-learning, ha svolto un'audizione in Senato per esprimere le proprie valutazioni sullo stato attuale della diffusione della lingua italiana nel mondo e ha auspicato che il mondo accademico italiano possa "fare sistema". Abbiamo chiesto a Tavoni cosa intendesse esattamente per fare sistema e quali fossero le prospettive di una maggiore apertura verso forme di collaborazione.

In occasione dell'ottantanduesimo congresso della Società Dante Alighieri, che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha auspicato che l'insegnamento della lingua italiana ai migranti diventi una priorità. Secondo quanto riferisce l'agenzia Adkronos Mattarella ha chiesto un maggiore impegno per la promozione della lingua italiana come veicolo di integrazione tra cittadini di diverse comunità di migranti che si stanno insediando...

Pagina 1 di 3

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.