Login

Il linguista statunitense Mark Aronoff ha condotto una ricerca per dimostrare come la lingua inglese sia molto più autoregolata di quanto comunemente di creda. 
La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica "Language", si è concentrata sulla pronuncia dell'inglese e su come il sistema fonologico di questa lingua si sia in qualche modo autoregolato come quello di inglese, francese e italiano, sebbene a differenza di queste tre lingue l'inglese non disponga di autorità istituzionali che regolano o provano a...

Una cattiva pronuncia in una lingua straniera può rappresentare un vero e proprio ostacolo per la ricerca di una lavoro in un paese in cui questa lingua è parlata, indipendentemente dal livello linguistico raggiunto. A questa conclusione è giunto Marty Pilott, un professore di linguistica applicata neozelandese che ha condotto un progetto di ricerca in merito.
Pilott ha analizzato come l'accento dei migranti venga percepito dai datori di lavoro neozelandesi e ha dimostrato, attraverso una panoramica di mercato, che quasi sempre una pessima pronuncia dell'inglese ha un impatto negativo sulla sua capacità di ottenere il lavoro per il quale ci si è candidati. Pilott ha condotto personalmente...

Arrivano buone notizie per chi ha sempre avuto difficoltà a pronunciare il fonema "th" della lingua inglese: questo suono potrebbe infatti scomparire del tutto nell'area di Londra entro il 2066 a causa del multiculturalismo della stessa metropoli. Lo riferisce in un articolo il Telegraph, che cita una ricerca svolta da un gruppo di linguisti dell'università di York (University of York) secondo i quali la presenza di un numero molto elevato di stranieri che ha difficoltà con tale consonante potrebbe determinare la sua scomparsa nell'area della città e in tutto...

Un gruppo di ricerca internazionale coordinato dall'università statunitense di Cornell (Cornell University) ha realizzato uno studio che intende dimostrare come gli esseri umani tendano a usare gli stessi suoni per tutta una serie di parole del lessico di base delle rispettive lingue.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, vuole dimostrare l'esistenza di una forte relazione statistica tra alcuni elementi del lessico di base come parti del corpo o aspetti del mondo naturale e i suoni che gli esseri umani utilizzano per formare le parole...

Un nuovo software sviluppato da scienziati del centro di ricerca A*STAR Institute for Infocomm Research di Singapore permette di individuare e correggere errori di pronuncia nell'apprendimento di una lingua straniera. 
La particolaritá di questa nuova applicazione consiste nel fatto che essa può riconoscere gli eventuali errori di pronuncia non solo rispetto alla lingua standard che si sta apprendendo, ma anche rispetto alla voce stessa dell'apprendente. 
Il software si basa su un modello che raggruppa i...

Un gruppo di ricercatori dell'università canadese University of British Columbia sta utilizzando una tecnologia a ultrasuoni per l'insegnamento della fonetica della lingue straniere. Gli scienziati canadesi stanno utilizzando questa nuova tecnologia per la prima volta a livello sperimentale e hanno deciso di cominiciare dall'insegnamento della fonetica del cinece cantonese, una lingua particolarmente difficile dal punto vista fonologico. 
La nuova tecnologia si basa su immagini a...

Un gruppo di ricerca dell'università tedesca Ludwig-Maximilians-Universität München (LMU) ha avviato un progetto di ricerca per provare a spiegare le ragioni per cui coloro che parlano una lingua straniera, seppur in grado di riconoscere gli errori di pronuncia di altri parlanti, non sono in grado di correggere i propri. 
I ricercatori del dipartimento di fonetica della LMU intendono capire per quali ragioni, nonostante molti conoscano e pratichino una lingua straniera da diversi...

Un gruppo di ricercatori britannici e statunitensi riuniti sotto la guida del Santa Fe Institute, centro di ricerca privato localizzato nella città omonima nel Nuovo Messico, Stati Uniti, e della University of Reading con sede nel Regno Unito ha sviluppato una tecnologia statistica che permetterebbe di individuare con maggiore esattezza quando sono storicamente avvenuti i cambiamenti fonetici di una determinata lingua. In particolare, la tecnologia messa a punto dal gruppo di ricerca mira a individuare il periodo storico più o meno esatto in cui un fonema dovrebbe aver subíto una trasformazione all'interno di molte parole di una stessa lingua...

Uno studio condotto da diversi ricercatori dell'università statunitense di Miami (University of Miami) e del centro di ricerca tedesco Max Planck dimostra che le perturbazioni della fonazione possono anche essere associate ad ambienti geografici con aria secca. La ricerca, che ha preso in esame una banca dati contenente informazioni relative a 3.700 lingue, ha visto coinvolti soprattutto studiosi di laringologia, di quel ramo della medicina cioè che studia i disturbi ...

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.