Login

Panorama

La scorsa settimana per la prima volta nella storia i primi dieci album musicali venduti in Germania erano tutti in lingua tedesca. Lo riferisce il portale Focus Online secondo il quale tale soprendente risultato potrebbe far pensare a una nuova "Deutsche Welle", una nuova ondata di musica tedesca estremamente popolare e conosciuta in tutto il mondo come quella degli anni Ottanta. 
In particolare le prime dieci posizioni sono occupate da cantati del genere hip-hop e da coloro che cantano gli "Schlager" e, cioè, pezzi di musica popolare...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Anche la Basilicata potrebbe avere presto una legge per il riconoscimento della lingua dei segni italiana e per la piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva. Qualora la nuova legge dovesse essere approvata dal Consiglio Regionale, la Basilicata dovrebbe diventare la sesta regione italiana ad avere una simile legge dopo Lazio, Basilicata, Piemonte, Sicilia e Abruzzo. 
Secondo quanto riferisce l'Ansa, la nuova...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nasce a Parma la biblioteca del dialetto

Giovedì, 25 Giugno 2015 05:06

Il Comune di Parma presenterà il prossimo sabato il progetto per la creazione di una biblioteca di testi in dialetto parmigiano. L'iniziativa è stata resa possibile dalla donazione di libri che l'associazione Famija Pranzana ha fatto all'amministrazione comunale. Il Comune spera ora che altri interessati all'iniziativa possano donare altri testi da utilizzare per la biblioteca, che sarà ospitata dalla Biblioteca Civica Comunale. 
Nel corso della presentazione del...

Vota questo articolo
(0 Voti)

La fondazione Mohammed Bin Rashid Al Maktoum Foundation (MBRF) gestita direttamente dal governo di Dubai intende creare una nuova libreria digitale in lingua araba contenente un'ampia collezione di libri in arabo, nonché diverse riviste arabe e internazionali, biografie, dizionari e mappe. 
Secondo quanto comunicato da MBRF, l'iniziativa, denominata DUBAI DL (Dubai Digital Library), ha l'obiettivo di permettere al mondo editoriale in lingua araba di 

Vota questo articolo
(0 Voti)

A circa tre mesi di distanza dalla creazione del sito "DICO – Dubbi sull’Italiano Consulenza Online" abbiamo chiesto a uno dei suoi due creatori, il professore di Linguistica italiana presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne (DICAM) dell'Università di Messina Fabio Rossi, di tracciare un primo bilancio. Nonostante alcune difficoltà iniziali dovute alla visibilità del sito, il portale DICO si presenta come un'ottima soluzione per chi cerchi di riflettere sulla lingua e sui suoi usi e non cerchi invece semplici soluzioni di carattere normativistico.

Vota questo articolo
(0 Voti)

La regione Friuli Venezia-Giulia ha avviato ieri il progetto il Treno delle Lingue, un'iniziativa di sostegno alle lingue regionali nata nel quadro del protocollo d'intesa firmato fra la ARLeF-Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane e la FUC-Società Ferrovie Udine. 
L'accordo, che è stato simbolicamente firmato all'interno della stazione ferroviaria di Cividale, in provincia di Udine, prevede di creare una serie di iniziative di carattere culturale attraverso la linea ferroviaria Cividale-Udine e intende promuovere, oltre...

Vota questo articolo
(0 Voti)

I giapponesi decidono di parlare in lingua standard o in dialetto a seconda dell'interlocutore che si trovano di fronte. Lo riferisce il quotidiano giapponese The Japan Times, che cita una un ricerca condotta dall'Istituto nazionale per la lingua giapponese e la linguistica (NINJAL). L'istituto conduce ogni 20 anni un sondaggio sui cambiamenti nell'uso del Giapponese da parte dei residenti nell'area della prefettura di Yamagata, una regione ritenuta generalmente poco influenzata da altri dialetti. L'ultimo sondaggio è...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Gli emoij hanno il potenziale per svilupparsi a tal punto da diventare una vera e propria lingua? Secondo il linguista britannico Vyvyan Evans, che insegna alla Bangor University, gli emoij possono ancora crescere notevolmente ma non potranno mai arrivare a costituire un vero e proprio sistema linguistico autonomo. Gli emoij sono simboli simili agli emoticon nati in Giappone negli anni Novanta che sono stati successivamente adottati anche in molti paesi occidentali. 
Secondo il professor Evans gli emoij rappresentano una sorta di...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.