Login

Politica ed economia

ANSA lancia sito in lingua spagnola

Domenica, 17 Aprile 2016 06:48

L'agenzia di stampa ANSA ha lanciato il suo nuovo sito in lingua spagnola. Il portale è stato denominato ANSA Latina ed è stato realizzato dalla sede argentina dell'agenzia in cooperazione con gli uffici dell'ANSA in America Latina (VAI).
Il portale intende affiancare, insieme a quello già attivo da diverso tempo in lingua portoghese, i tradizionali notiziari in spagnolo e in portoghese dell'ANSA utilizzati da diversi mezzi di informazione latinoamericani. 
"Sara' un sito...

Vota questo articolo
(0 Voti)

La legge sull'integrazione dei migranti appena definita dal governo tedesco imporrà a tutti i rifugiati di recente arrivo in Germania di seguire un corso di lingua tedesca. Secondo quanto riferisce il canale televisivo Deutsche Welle, la legge è frutto di un accordo raggiunto lo scorso giovedì dai due partiti che sostengono la coalizione di governo, la CDU/CSU della cancelliera Angela Merkel e il partito socialdemocratico (SPD).
In base alla nuova legge tutti i rifugiati...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Senato della Repubblica e l'Università di Pavia hanno avviato progetto di collaborazione istituzionale sulla formazione sul linguaggio giuridico e la scrittura delle leggi. Il progetto, denominato "Le parole giuste. Scrittura tecnica e cultura linguistica per il buon funzionamento della pubblica amministrazione e della giustizia", è stato presentato questa mattina nell'aula Koch di Palazzo Madama, a Roma.
Secondo quanto comunica il Senato l'iniziativa mira a fornire una maggiore tutela dei diritti dei cittadini nel recepimento dei testi...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il mediatore europeo Emily O’Reilly ha respinto un ricorso presentanto da un'associazione che protegge la lingua tedesca contro l'uso esclusivo di francese e inglese negli elementi grafici e nei loghi della sala per le conferenze stampa della Commissione Europea di Bruxelles. Il mediatore europeo, che è quella figura istituzionale dell'Unione Europea che deve prendere in considerazione le denunce di qualsiasi cittadino o persona fisica o giuridica dell'Unione Europea contro i disservizi dei suoi organi o istituzioni, ha concluso che la scelta di adottare unicamente inglese e francese negli elementi grafici della stanza delle conferenze stampa...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'arabo dovrebbe ormai esser diventato la seconda lingua più parlata della Svezia in virtù del forte afflusso di rifugiati e migranti registrato nel corso degli ultimi tre anni. A questa conclusione è arrivato il professore di linguistica svedese Mikael Parkvall dell'Università di Stoccolma in un'intervista con la radio pubblica svedese citata dal portale Sputnik News. Il professore, che non dispone di statistiche ufficiali aggiornate, ha fatto un calcolo molto semplice aggiungendo ai dati disponibili al 2012, che indicavano un numero di arabofoni...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Due ricercatori dell'università statunitense Carnegie Mellon University stanno analizzando attraverso una serie di strumenti informatici il livello di leggibilità dei vari candidati per la corsa alla carica di presidente degli Stati Uniti. 
I due studiosi hanno utilizzato un modello di leggibilità chiamato REAP, che analizza quanto spesso siano stati utilizzati parole e costrutti grammaticali. In base ai primi risultati della ricerca i due linguisti hanno potuto rilevare che il livello medio della grammatica dei Repubblicani Trump, Ted Cruz...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Parlamento di Malta ha approvato un disegno di legge per il riconoscimento ufficiale della lingua dei segni maltese. Secondo quanto riferisce il quotidiano locale Malta Today la nuova legge, che è stata approvata dalla quasi totalità degli schieramenti presenti in Parlamento, prevede anche la creazione di nuovi corsi universitari dedicati alla lingua dei segni e alla cultura dei sordi. 
I promotori della nuova legge...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Prendiamo spunto da una recente intervista rilasciata dall’attore francese Vincent Cassel a Radio 3 e ripresa dal quotidiano La Repubblica per provare a fare chiarezza su una serie di questioni che riguardano il predominio del doppiaggio a discapito del sottotitolaggio nel cinema e nella televisione italiani.
Nella sua intervista Cassel ha parlato espressamente di una “mafia dei doppiatori” che impedirebbe di fatto una maggiore diffusione di film con sottotitoli nelle sale cinematografiche del Belpaese. “In Francia – ha dichiarato Cassel nel corso dell’intervista - è più facile vedere un film senza doppiaggio...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.