Login

Politica ed economia

La lingua portoghese diventerà materia curricolare nella scuola francese a partire dall'anno scolastico 2016-17. Ad annunciarlo è stato il ministro dell'istruzione portoghese Tiago Brandão Rodrigues, che ha appena siglato un accordo quadro per definire i termini dell'operazione con l'omologa ministra francese Najat Vallaud-Belkacem. 
A partire da settembre saranno avviati alcuni progetti pilota ed entro la fine del 2016 saranno definite le modalità con cui il portoghese sarà integrato nel sistema...

Vota questo articolo
(1 Vota)

La corte suprema della provincia sudafricana di Free State ha emesso una sentenza con cui proibisce alla locale università University of the Free State (UFS) di tenere corsi esclusivamente in lingua inglese. Lo riferisce l'emittente locale CBSA News secondo la quale il ricorso contro l'uso esclusivo dell'inglese era stato presentato dall'associazione AfriForum, che aveva sostenuto che la rimozione dell'afrikaans, la seconda lingua più parlata in Sud Africa, come lingua d'istruzione fosse di fatto contraria ai principi della costituzione. 
Nel marzo del 2016 l'università aveva emesso...

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il governo federale della Svizzera ha presentato un nuovo piano per obbligare tutti i 26 cantoni della federazione a mantenere uno spazio significativo per l'insegnamento delle lingue nazionali nella scuola dell’obbligo. Diversi governi cantonali della Svizzera, in particolare quelli germanofoni, hanno infatti recentemente deciso di privilegiare l'insegnamento dell'inglese a scuola a discapito delle altre lingue nazionali del paese, che sono, oltre al tedesco, il francese, l'italiano e il ladino. Questa impostazione, a detta del governo federale,...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Francia: corso non sarà lingua co-ufficiale

Martedì, 05 Luglio 2016 06:55

Il primo ministro francese ha respinto una proposta presentata dal governatore indipendentista della Corsica Jean-Guy Talamoni per fare del corso una lingua co-ufficiale del paese. La proposta è stata sottoposta da Talamoni a Valls in occasione della visita ufficiale di quest'ultimo sull'isola. 
Secondo quanto riferisce il quotidiano francese Le Monde, la proposta di Talamoni di fare del corso una lingua co-ufficiale della Francia è stata accompagnata dalla richiesta...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea ha portato il caos anche nella Babele di lingue delle istituzioni europee. Diversi parlamentari europei francesi e tedeschi hanno già chiesto che l'inglese non sia più lingua ufficiale o lingua di lavoro dell'Unione, mentre alcuni funzionari di Bruxelles si sono già affrettati a smentire che tale ipotesi possa prendere corpo. Abbiamo chiesto a Gabriele Natalizia, docente di Relazioni internazionali presso la Link Campus University di Roma, di valutare l'impatto della Brexit sul multilinguismo dell'UE e sul futuro della lingua inglese in seno alle istituzioni europee.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Durante i mesi scorsi nei paesi dell'ex Jugoslavia si è dibattuto in modo molto acceso, anche in ambito accademico, sulla questione se il bosniaco possa essere considerato effettivamente una lingua o se non si tratti semplicemente di un dialetto della lingua serbo-croata. Il dibattito ovviamente è stato condizionato dai contrapposti nazionalismi ed è stato molto difficile per tutte le parti coinvolte sviluppare un confronto sereno e basato su dati scientifici certi. 
A portare un po' più di chiarezza sulla questione, tuttavia, arriva ora un censimento...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Italia è spesso indicata come un ponte nel Mediterraneo, come un crocevia tra le culture di Nord Africa e Medio Oriente e quelle del resto dell'Europa. Ma riesce il nostro paese a svolgere effettivamente questo ruolo? Siamo veramente a stretto contatto con le culture dell'altra sponda del Mediterraneo? Qual è il ruolo della traduzione letteraria in questo contesto? Abbiamo provato a sciogliere questi dubbi intervistando la celebre traduttrice Yasmina Melaouah.

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il governo del Marocco ha istituito un Osservatorio per le lingue e i mezzi di comunicazione con l'obiettivo di regolamentare le molte lingue presenti su stampa, radio e televisioni locali. 
Secondo quanto riferisce l'agenzia Ecofin, la nuova agenzia è stata voluta del ministro della comunicazione marocchino Mustapha El Khalfi, il quale ha coinvolto nel progetto anche l'Istituto di studi e ricerche per l'arabizzazione (Iera) e...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.