Login

Politica ed economia

Due ricercatori della Stanford University hanno condotto una serie di studi per dimostrare come l'inglese afro-americano vernacolare (Jive), e cioè la variante dell'inglese americano parlato dagli afroamericani negli Stati Uniti d'America, sia spesso fonte di pregiudizi e discriminazioni nei tribunali statunitensi.
I linguisti John R. Rickford e Sharese King sono partiti dalla vicenda di Rachel Jeantel, una testimone auricolare nel processo a George Zimmerman, un giovane accusato di aver ucciso nel febbrario del 2012 il diciassettenne Trayvon Martin in Florida. Zimmerman è stato assolto per...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sebbene gli Stati Uniti siano attualmente al centro di enormi flussi migratori e il numero di coloro che parlano lo spagnolo nel paese sia in costante aumento, la popolazione statunitense che parla una lingua diversa dall'inglese è in realtà in costante diminuzione. Lo rivela un rapporto della American Academy of Arts and Sciences che sostiene che tale tendenza possa avere conseguenze fortemente negative sull'economia del paese e sui suoi scambi internazionali e culturali. 
Secondo il rapporto, solo il 20 cento della popolazione residente negli Stati Uniti (circa 60 milioni) è in grado...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'azienda londinese Today Translations ha pubblicato sul proprio sito Internet un annuncio per la ricerca di un traduttore di emoji. L'agenzia, che è specializzata nelle traduzioni in ambito finanziario, ha specificato che il settore della traduzione degli emoji è un mercato emergente e che è attualmente dominato da software che non sono capaci di distinguere le differente nell'uso e nell'interpretazione dei celebri ideogrammi. Per questa ragione l'azienda sta cercando un professionista che sia in grado di fornire un'adeguata interpretazione interculturale dei simboli pittografici, laddove la traduzione del software risulti inadeguata. 
"In assenza di madrelingua - ha...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Germania, la parola del 2016 è "postfattuale"

Domenica, 11 Dicembre 2016 09:04

Lo scorso nove dicembre la Gesellschaft für deutsche Sprache (GdS) ha pubblicato la lista delle dieci parole dell'anno e ha comunicato di aver prescelto la parola "postfattuale" (in tedesco "postfaktisch") come parola del 2016. Postfaktisch deriva dall'espressione anglosassone "post truth" (post verità) e descrive la prevalenza delle emozioni e delle convinzioni personali su fatti e dati oggettivi nel dibattito politico e culturale. I giurati della GdS hanno specificato di aver scelto questa parola poiché essa è espressione di un vero e proprio cambiamento politico sullo scenario del dibattito politico tedesco e internazionale.
Al secondo posto la GdS ha collocato la parola "Brexit"...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il governo federale canadese sta pensando di fare della lingua dei segni la terza lingua ufficiale del Canada dopo inglese e francese. Lo riferisce il portale locale La Presse che ha avuto accesso a una nota del governo canadese. Promotrice della proposta è la ministra per lo Sport e le persone disabili Carla Qualtrough, che ha partecipato a diverse edizioni delle Paralimpiadi perché cieca.
Se la proposta di legge in corso di definizione dovesse entrare in vigore tutti i servizi degli enti pubblici del paese dovranno essere forniti in francese, inglese e in una delle due lingue dei segni adottate...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il gruppo Incipit dell'Accademia della Crusca ha emesso un nuovo comunicato per suggerire un'alternativa in italiano all'anglicismo di recente diffusione "whistleblower". Questa parola inglese significa letteralmente "soffiatore nel fischietto" e designa colui che, dopo aver constatato sistematiche irregolarità all’interno dell’organizzazione pubblica o privata per cui lavora, decide di denunciare l’illecito per il bene della collettività.
Secondo quanto comunica il gruppo Incipit, il termine inglese, nonostante la sua opacità e la sua ostica pronuncia, si è ampiamente diffuso nel 2013 in relazione al "caso Snowden" e dovrebbe...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Instituto Camões ha presentato lo scorso 15 novembre il nuovo Atlante della lingua portoghese (Novo Atlas da Língua Portuguesa). L'atlante è stato pubblicato in inglese e portoghese ed è stato realizzato dal centro di ricerca portoghese ISCTE-Instituto Universitário de Lisboa. Secondo gli autori dell'opera, il portoghese era parlato da circa 263 milioni di persone alla fine del 2015. Il numero dei lusofoni, tuttavia, è destinato ad aumentare considerevolmente durante questo secolo specialmente nei paesi africani in cui il portoghese è...

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Organizzazione delle nazioni e dei popoli non rappresentati (UNPO) ha pubblicato una lettera di sostegno per una petizione del parlamentare europeo Ilhan Kyuchyuk che chiede la cancellazione di una legge recentemente emanata dal governo bulgaro, che impedisce l'uso di lingue diverse dal bulgaro durante le campagne elettorali. Secondo l'UNPO la legge non solo è discriminatoria, ma è anche in contrasto con i trattati che la Bulgaria ha siglato con l'Unione Europea e, in particolare, con il Trattato di Lisbona che protegge le minoranze linguistiche. 
Nella lettera l'UNPO sollecita il governo bulgaro ha rivedere la legge e a permettere l'uso di altre lingue durante le campagne...

Vota questo articolo
(0 Voti)

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.