Login

Pubblicato in Ricerca e tecnologia

Studio: fattori psicologici e sociali rendono più difficile apprendimento di lingue in adulti, non cambiamenti nel cervello

Lunedì, 20 Febbraio 2017 07:55 Scritto da 
La ricercatrice statunitense Gita Martohardjono La ricercatrice statunitense Gita Martohardjono Queens College and The Graduate Center, City University of New York (CUNY)

A rendere gli adulti meno rapidi e flessibili nell'apprendimento di una seconda lingua rispetto ai bambini sono soprattutto condizionamenti di carattere sociale e psicologico e non cambiamenti nella configurazione del cervello. Ad affermarlo è la linguista statunitense Gita Martohardjono, che ha condotto un progetto di ricerca su due diverse popolazioni bilingui degli Stati Uniti: gli ispanici che parlano spagnolo a casa ma la cui lingua dominante è l'inglese e gli ispanici che sono fluenti in inglese ma la cui prima lingua resta lo spagnolo. La Martohardjono ha utilizzato la risonanza magnetica per analizzare l'attività cerebrale di diversi rappresentanti dei due gruppi durante attività di ascolto. I risultati della sperimentazione hanno permesso di verificare che i cambiamenti nello spagnolo possono essere previsti in base all'uso dell'inglese: quanto più alta è la quantità di lingua inglese utilizzata, tanto maggiori saranno i cambiamenti nelle risposte del cervello allo spagnolo.
I risultati della ricerca portano elementi a sostegno delle tesi di psicolinguistica e neuroscienze secondo le quali gli adulti manterrebbero flessibilità neurale anche dopo la fine dell'età dello sviluppo e che i condizionamenti di carattere psicologico e sociale sarebbero responsabili per la minore facilità con cui gli adulti apprendono una seconda lingua rispetto ai bambini.
"Per molti anni - ha spiegato la Martohardjono - si è ritenuto che imparare una seconda lingua in età adulta fosse più difficile a causa di una minore plasticità cerebrale. L'analisi dell'attività cerebrale delle persone bilingui attraverso la risonanza magnetica, tuttavia, ha permesso di stabilire che il cervello degli adulti resta molto dinamico anche in fatto di apprendimento di una seconda lingua".
Per maggiori informazioni sullo studio cliccare qui.
© Informalingua

Letto 808 volte

Navigando sul sito www.informalingua.com con il browser configurato in modo che accetti i cookie, o utilizzando i dispositivi mobile, viene dato il consenso all'utilizzo dei cookie presenti in questo sito.